La lunga battaglia dei Radicali sulla giustizia

Quella dei Radicali con la giustizia è una storia che parte da lontano, quando, il 9 gennaio 1969, uno sparuto gruppo di Radicali, riuniti a Piazza Cavour, sotto il palazzo della Suprema Corte di Cassazione, meglio noto a Roma come “Palazzaccio”, metteva in atto la prima contro-inaugurazione dell’anno giudiziario, invocando una giustizia giusta, a fronte della paralisi, sì della paralisi,della giustizia. Eravamo nel 1969, il mondo è cambiato, l’Europa è cambiata, l’Italia è cambiata, quella che invece non è mai cambiata è la struttura portante del sistema giustizia, rimasto ancorato al potere, immenso, delle corporazioni, in special modo della magistratura associata che quel potere vuole continuare a conservare, anche rispetto al potere legislativo ed esecutivo. In Italia la ‘giustizia’ è strutturalmente e profondamente ingiusta, e rappresenta la principale fabbrica di violazioni di diritti umani fondamentali dell’individuo, riconosciuti a livello sovranazionale dalle Convenzioni ONU, dalla Convenzione Europea dei Diritti dell’Uomo ed a livello nazionale dalla stessa Carta Costituzionale.
 





Copyright 2011 Quaderni Radicali - Iscr. e reg. Tribunale di Napoli n. 5208 del 13/4/2001     -     Info - Webmaster - Privacy